Teatro dei Conciatori – Contemporary Urban Theatre

Stagione estiva 2013
In una estate romana che fatica a decollare, il Teatro dei Conciatori – Contemporary Urban Theatre – diretto da Antonio Serrano e Gianna Paola Scaffidi, propone la sua prima rassegna teatrale estiva: Una serie di interessanti proposte teatrali per tenere viva la stagione anche nel periodo estivo nello spazio nato nel cuore del quartiere Ostiense a pochi metri dalla fermata metropolitana “Piramide”.
Ancora una volta il regista Antonio Serrano e l’attrice Gianna Paola Scaffidi hanno voluto remare controcorrente e dare voce a un gruppo di compagnie provenienti da diverse città italiane per promuovere un confronto tra diversi modi di interpretare il contemporaneo.
Il Teatro dei Conciatori – Contemporary Urban Theatre – ha aperto i battenti proprio in questa appena passata stagione teatrale ed ha ospitato importanti artisti del panorama teatrale nazionale come Pamela Villoresi, Angelo Longoni, Luca de Bei, Urbano Barberini, Massimo Bonetti, Giuseppe Marini, ecc… riscuotendo un notevole successo di critica e di pubblico.
Proponendo questa stagione estiva Antonio Serrano e Gianna Paola Scaffidi vogliono confermare e consolidare la presenza del Teatro dei Conciatori sul territorio romano come spazio teatrale dedicato alla drammaturgia contemporanea di qualità.
La stagione estiva si aprirà il 7 – 8 – 9 giugno 2013 con Elena Arvigo
in 4:48 PSYCHOSIS di Sarah Kane, traduzione Barbara Nativi, musiche Susanna Stivali, regia Valentina Calvani.
Un grido disperato d’amore e una lucida fragilità magistralmente interpretati da ELENA ARVIGO, che in scena dà voce e corpo ad uno dei testi più assoluti e intimi del teatro contemporaneo mondiale. 4:48 Psychosis è il testamento di Sarah Kane, autrice morta suicida nel 1999. Il monologo, molto più del punto di vista di chi soffre la depressione, è una forte denuncia, al tempo stesso socio-culturale e squisitamente intima.
Si continua dal 10 al 13 giugno 2013 con “Mondo Rosa” scritto e diretto da Duska Bisconti con Pina Bellano, Valentina Tramontana, Patricia Vezzuli, Maria Teresa Pintus, Duska Bisconti musiche di Francesco Verdinelli.
Che storie hanno le donne? Di che cosa parlano le donne? Delle stesse cose che si trovano sui settimanali di gossip e sui programmi televisivi? Oppure passano il tempo a parlare di uomini e corna come nei salotti borghesi del secolo scorso? Sono decerebrate come le dipingono in questo” mondo gossip” che ci appare in ogni dove? Queste le domande che hanno tormentato a lungo l’autrice e spinta a cercare testimonianze di un “mondo rosa”.
Dal 17 al 20 giugno sarà in scena Giancarlo Ratti in Come può ridursi un uomo, liberamente ispirato ai poemi “Di questo” e “La nuvola in calzoni” di Vladimir Majakovskij.
Un monologo tragi-comico che ci racconta l’amore per Maria…
La storia di un poeta innamorato che ci parla della storia di ognuno di noi, dei nostri sentimenti, delle nostre emozioni.
“Un attore solo. Senza difese, senza coraggio, senza domani – afferma Giancarlo Ratti – Solo parole, parole che inseguo da anni e che forse non ricordo più? Parole non mie, parole rubate. Dite a Majakovskji che non stavo bene.”

Dal 24 al 27 Giugno sarà di scena Effetto Larsen di Marco Muscarà per la regia di Lina Bracaglia.

L’effetto Larsen in fisica è il tipico fischio stridente che si sviluppa quando i suoni emessi da un altoparlante ritornano ad essere captati da u microfono. Più semplicemente rappresenta quel fastidioso rumore che avviene ad esempio quando uno speaker parla al microfono con il volume in cuffia troppo alto. Il mondo della radiofonia privata, soprattutto romana è ricco di effetti Larsen…

Dal 2 al 4 luglio, sarà di scena COME EVITA, PIU’ DI EVITA MI AMERO’ di e con Arnolfo Petri. Scene: Armando Alovisi Costumi: Roberta Mattera Musiche originali: Marco Mussomeli.
Chi avrebbe potuto trasformare le ultime ore di vita di Eva Peron, la grande eroina dell’Argentina moderna, nel delirio di una pazza ossessionata dalle trame di palazzo e dai gioielli da indossare per il suo funerale? Ma naturalmente Arnolfo Petri, che attraverso il suo universo surreale e chiassoso delinea una satira crudele sul potere.
Dall’8 all’11 luglio è la volta dello spettacolo IL BUCO di Roberta Calandra, con Nadia Perciabosco, regia Laura De Marchi, allestimento scenico Maria Teresa Padula. C’è chi nasce bomba e chi nasce ciambella e, per motivi assolutamente personali, passa la vita a nascondere, tentar di riempire, mediare, ostentare il proprio “buco di formazione”.

Dal 15 al 18 luglio è di scena HAMLETELIA di e con Caroline Pagani.

HAmletelia è una riscrittura dall’Amleto di William Shakespeare dal punto di vista di Ofelia. Del fantasma di Ofelia. Amore, -nei suoi vari aspetti-, morte, al di là, e metateatro. Una storia di fantasmi, amori, morti violente, ambientata in un cimitero avvolto da terra scura, abitato da un corvo nero appollaiato su una vanga e da una pantegana dietro a una tenda.

Dal 22 AL 25 LUGLIO va in scena “Pazza d’amore”, spettacolo tratto dal testo di Dacia Maraini, per la regia di Emanuele Vezzoli , con Sara Pallini come attrice protagonista e Matteo Castellino. Cameraman Gaetano Romano, Scene di Tiziana Liberotti, Disegno luci Marco Zara, Datore luci e fonica Emanuele Genna, Video a cura di Gaetano Romano, Organizzazione Carlo Dilonardo, regia Emanuele Vezzoli.
In uno studio televisivo una prostituta racconta senza pudore la sua storia. Sotto i riflettori, eccitata dalla luce e dal microfono, “come i cantanti !?” chiede al regista, interrompendo ripetutamente il suo racconto con domande spesso inadeguate.
Si chiude la stagione estiva con lo spettacolo che sarà in scena dal 29 luglio al 1 agosto: CLOSER di Patrick Marver, per la regia di Adriana Milani, con: Alessandra Basile, Simone Spinazzé, Valentina Pescetto, Gianluca Sollazzo.
Dan, innamorato di Alice, splendida ed insicura ex spogliarellista incontrata appena giunta a Londra, conosce la sofisticata Anna per un caso e inizia a esserne tormentato…

TEATRO DEI CONCIATORI – Via dei conciatori, 5 – 00154 ROMA
Tel. 06.45448982 – 06.45470031 – info@teatrodeiconciatori.it
Il Teatro ha il patrocinio gratuito del Municipio VIII (ex XI)