Susanna Mantioni a Grande come una Città: per una storia culturale della violenza di genere

Prosegue il ciclo di incontri Amare la storia a cura del Gruppo Storia di Grande come una Città: venerdì 19 aprile presso la Sala Consiliare del III Municipio (Piazza Sempione, 15- dalle ore 18:00 alle 20:00), Susanna Mantioni propone una riflessione sull’aspetto culturale della violenza contro le donne dal titolo Per una storia culturale della violenza di genere, dallo ius corrigendi alla colpevolizzazione della vittima.
La violenza contro le donne è un fenomeno che, in questi ultimi anni, sta ricevendo crescente attenzione mediatica. È spesso presentata come un’emergenza delle società contemporanee ma, in una prospettiva storica, le analisi delle relazioni di genere evidenziano sempre più la continuità del fenomeno sul lungo periodo. Comune alle società che si strutturano intorno alla famiglia patriarcale, si istituisce sulla base della patria potestas, dell’esercizio della giurisdizione domestica e dello ius corrigendi. In tal senso, il concetto di ‘genere’ chiama apertamente in causa la matrice storica, sociale e culturale della violenza. La radica nella posizione diseguale che gli uomini e le donne occupano da secoli nella società e disarticola l’associazione quasi essenzialista tra mascolinità e violenza.

La lezione ha lo scopo di fare il punto su alcuni concetti chiave per comprendere il fenomeno, prendendo in esame alcune vicende particolarmente significative – in special modo sul tema della violenza sessuale – come, per esempio, quella di Franca Viola – che ci permetteranno di identificare anche l’inestricabile intreccio fra rispettabilità, reputazione e credibilità delle vittime.